...nel mondo tra le copertine dei libri...


Notes on the Art of Poetry

I could never have dreamt that there were such goings-on
in the world between the covers of books,
such sandstorms and ice blasts of words,
such staggering peace, such enormous laughter,
such and so many blinding bright lights,
splashing all over the pages
in a million bits and pieces
all of which were words, words, words,
and each of which were alive forever
in its own delight and glory and oddity and light.

Dylan Thomas


Patrick Doyle   da Sense and Sensibility
inConcerts

Appunti sull'Arte della Poesia

Mai avrei potuto sognare che ci fossero tali condotte
nel mondo tra le copertine dei libri,
tali tempeste di sabbia e raffiche ghiacciate di parole
tale esitante pace, tale immensa risata
tali e tante luci accecanti
schizzanti attraverso le pagine
in milioni di pezzi e frammenti
tutte quante le quali fossero parole parole parole
e ognuna delle quali fosse viva per sempre
nella propria delizia e gloria e originalità e luce.

traduzione   Red

Commenti

anna ha detto…
C'è solo una parola che potrei usare per commentare questa immagine, questo testo, questa musica, e il loro interagire: perfezione.

E solo una cosa per ora posso aggiungere: questa poesia di Dylan Thomas dice, compiutamente, la multiforme felicità, tanto immensa da diventare sgomento, del tempo in cui scoprii l'esistenza dei libri, da piccola...
..nelle parole c'è il senso vero dei sentimenti, in ogni parola,messa al posto giusto, c'è qualche cosa che può diventare poesia... e Oltre
red ha detto…
Ciao Anna...sì, è la stessa sensazione che provo io quando la leggo: quella di trovarmi di fronte alla descrizione puntuale e dettagliata di un momento della mia vita..un momento importante...in cui ho scoperto attraverso quante porte fosse possibile uscire dalla mia stanza, dalla mia vita..e rientrarvi..diversa.
Un abbraccio
red ha detto…
Ciao Piero...che ti adoro lo sai molto bene credo...ma malgrado te lo abbia già detto molte volte, non posso fare a meno di sottolinearlo ogni volta che lasci qui i tuoi pensieri.
....dire che la poesia..la Poesia..è fatta di parole messe al posto giusto...però, non è solo adorabile...è una chiave di lettura che mi emoziona molto. Anch'io sento, leggendo parole in versi, l'assoluta non casualità del loro essere lì....amo la Poesia proprio perché in essa, a differenza di tutti gli altri universi di parole, non ci sono equivoci, né incomprensioni, né incertezze..ma ogni parola occupa il posto giusto..il proprio.

Non è un caso che a suggerirmi questa considerazione, in una così bella maniera, sia il mio caro amico e poeta Piero.

Grazie...un abbraccio
anna ha detto…
Porte attraverso cui uscire dalla propria stanza, dalla propria vita... e rientrarvi...diversi. Sì, grazie Red, intendevo proprio questo quando accennavo a quale cosa grande sono stati, per me, fin dall'inizio, i libri. "Porte": è la parola giusta. E varcare quelle porte, entrare in quel "mondo" racchiuso tra due copertine, era il viaggio dei viaggi.
Poi così è stato anche entrare in un dipinto, o nell'universo sonoro, nella musica...
Ma la prima "iniziazione", per me, sono state le parole.
La percezione del mondo circostante è differente, dopo aver sfiorato quei segni ognuno dei quali, come dice questo grande, vive per sempre nella propria "delight and glory and oddity and light". E noi stessi, sì, ne usciamo differenti. Oppure...
Oppure si potrebbe dire che così ci siamo avvicinati un poco di più a noi stessi. O che solo allora si comincia a intravedere, un poco, o a sapere, o a ricordare, qualcosa di più di noi stessi: di quella nostra "oddity and light" di cui è così facile dimenticarci. O contro la quale tante cose cospirano...
ariodante76 ha detto…
beautiful translation, I thoroughly enjoyed it!
red ha detto…
Thank you Daniel,
I knew I was daring too much, translating without having the capability... but I love poetry... and translating a poem is like being taken by the hand... walking, slowly, through the depth of it.
Your kind appreciation encourages me.... grazie dal mio cuore.
Un abbraccio