"I' son Beatrice...amor mi mosse e mi fa parlare.."



 

Roberto Benigni, La Divina Commedia, Inferno Canto II

Commenti

viola ha detto…
Cara Red vedo ora questo splendido dipinto ! quanto mi piace, è il mio genere..un giorno se me lo permetti lo vorrei pubblicare anche sul mio blog :)
red ha detto…
Spero che tu lo faccia presto... mi piacerebbe vederlo valorizzato dalla tua sensibilità...
un sorriso dal cuore
Inferru
Cantu I

A su mesu caminu de sa vida
m’incontres’in un’addhe a buscu oscura
ca sa via ‘eretta fi’peldìda.
Cant’a narr’ite fid es cosa dura
sa foresta eremita e aspra e folte,
ch’in sa mente renova’ sa paura.
Tant’es grae ch’es pagu pius molte:
ma pro narrer su bene chi b’hapesi
cantu b’idesi es bellu chi rappolte.
No isco narrer comente b’intresi:
tantu fio sonnidu in cussu puntu,
chi su caminu veru abbandonesi:
m’andhadu a pes dë unu coddhu, appuntu
ue finia’ s’addhe, chi su coro
m’haia’ de timorias compuntu,
bestidu in punta lu idés’a oro
dai sa lughe de su pianeta,
ch’a totu ilgiara’ su caminu issoro.


notte red:-)
red ha detto…
...incredibile l'effetto prodotto dai versi di Dante tradotti in lingua sarda...sono affascinata...sembra un cantico arcaico...
grazie frà...

Buonanotte con un sorriso