"Un viaggio fino al mare"

 
Casella - Genova  (Un viaggio fino al mare)

Commenti

Il viaggio sul trenino di Casella è uno dei più rrromantici che io abbia mai fatto. Se poi è accompagnato dalle musiche di Paolo Conte... stramazzo al suolo!
unbrivido ha detto…
Scendi, pilota,
fammi vedere,
scendi a bassa quota,
che guardi meglio
e possa raccontare
cos'è che luccica sul grande mare?
...
mi sono seduto in classe turistica per fare un bel viaggio e ammirare il paesaggio ligure.ciao frà..
viola ha detto…
Ciao Red, complimenti a chi ha fatto questo video, mi ha davvero emozionata questo viaggio, queste immagini, le luci, il movimento, e la musica:) un abbraccio grande
Anonimo ha detto…
Nella mia terra un analogo trenino fa il percorso inverso. Dal mare fino al cuore delle montagne.
Ma non cambia la sostanza. Non cambia l'ossigeno. Non cambia il lunghissimo dipinto scorrevole che accompagna la vista e trova riposo nella memoria.
Ms
red ha detto…
Ciao a tutti,
vi ringrazio e vi abbraccio col cuore per tutto quello che avete la generosità e la dolcezza di portare qui, con le vostre parole preziose. Lascio qui il mio commento, la mia ammirazione e la mia gratitudine per questo piccolo grande capolavoro di colori, suoni, emozioni.
Grazie cecnuel.
Antonio Andreatta ha detto…
ahhhhh...ci hai beccato! ciao Red, ovviamente scherzo e mi fa molto piacere che hai condiviso con i tuoi amici questo nostro "viaggio", pensa che per entrambi è stata la prima volta! Stasera son entrato nella tua casa senza bussare ma, perdonami, ne ero lontano da troppo tempo. Come sempre starò un pochino qui. Grazie.
red ha detto…
Antonio...che bello saperti qui mentre ci sono anch'io!
Sono io che ringrazio te, per tutto ciò che sei..e per avermi mostrato la strada a questo e ad altri viaggi.
Non devi mai bussare, questa è casa tua.

Un fortissimo abbraccio
Antonio Andreatta ha detto…
Abbiamo mischiato la nebbia e l'acqua del Po con le antiche mura e i moli della città più bella del mondo e ne abbiamo attinto l'essenza...lo rifaremo presto fermandoci a Torrazza, salendo al Diamante e calandoci lungo la schiena dello Sperone fino a mischiarci con una vociante umanità pronta ad imbarcarsi per le Meriche...
red ha detto…
La nebbia.....il Po....le Meriche......
Antonio Andreatta ha detto…
siediti qui e lascia che il fiume ti porti lungo le sue sponde...
http://www.francescofavalesi.com/
red ha detto…
Ho già seguito i tuoi passi fino qui...ma ci sono tornata adesso seguendo il tuo invito perchè avevo desiderio di perdermi sotto gli archi di un palazzo antico..girando in tondo..danzando in un'immagine.....e poi intorno ad una quercia solitaria in mezzo ai pioppi....