venerdì 29 ottobre 2010

William Shakespeare - Sonetti

Sonnet  54

O! how much more doth beauty beauteous seem
By that sweet ornament which truth doth give.
The rose looks fair, but fairer we it deem
For that sweet odour, which doth in it live.
The canker blooms have full as deep a dye
As the perfumed tincture of the roses,
Hang on such thorns, and play as wantonly
When summer's breath their masked buds discloses:
But, for their virtue only is their show,
They live unwoo'd, and unrespected fade;
Die to themselves. Sweet roses do not so;
Of their sweet deaths are sweetest odours made:
And so of you, beauteous and lovely youth,
When that shall vade, my verse distills your truth.

                   Andrew Smith [CC-BY-SA-2.0], via Wikimedia Commons

Certi giorni un profondo bisogno di poesia mi assale, feroce come la fame o la sete; tanto dolorosa è la sua assenza, quanto ristoratore è il suo verso. Considero un giorno molto fortunato quello in cui, preda di tale astinenza, ho incontrato in rete un sito splendido: The amazing web site of Shakespeare's sonnets. Vi si possono trovare moltissime cose interessanti, fra cui i sonetti di Shakespeare corredati di esegesi e commento. Una vera immersione totale nella sua poetica, dove l'atmosfera non è data dall'aspetto del sito, ma dalla dotta consistenza dei contenuti.
Thank you very much, Mister Ledger!

Nessun commento: