venerdì 4 marzo 2011

"...e nella notte io ti vedevo..."


"Il fiore che mi avevi gettato
nella mia prigione era rimasto.
Disidratato e secco
questo fiore
conservava ancora il suo dolce profumo.
E per ore ed ore intere
sui miei occhi, chiudendo le palpebre,
di questo profumo io m'inebriavo
e nella notte io ti vedevo.."

Per Sile e Antonio


Photo: Antonio Andreatta
Jonas Kaufmann, La fleur que tu m'avais jetée
da Carmen, Georges Bizet
Video: Macbett0

6 commenti:

photo friends gallery ha detto...

Ciao Red, non trovi che il colore rosso sia il colore delle emozioni più intense? Vedi la voglia di vivere e di incantare di questo fiore? Sa bene che vivrà un giorno o poco più, ma sa anche che domani sarà il tempo di un nuovo fiore e di una nuova emozione. E' la sua speranza. Non viviamo forse in attesa di una nuova emozione ogni giorno? Mai sapremo se arriverà domani ma sappiamo che arriverà... Un rosso abbraccio. Sile

red ha detto...

Cara Sile...sai che non trovo le parole per parlarti? Troppa l'emozione, la tenerezza...mi avvolgo nel tuo rosso abbraccio...è stata una giornata faticosissima... mi sale alle labbra un sorriso stanco...e un timido " ti voglio bene"...voglio per te tutto il bene possibile. R

Massimo ha detto...

ciao cara Red,
scusa ti ho un pò trascurata... sono stato via diversi giorni... un caro saluto

ps: molte bella la poesia ! un ottimo week end..

red ha detto...

Ciao Massimo, grazie per essere passato, in effetti sentivo la tua mancanza...spero che i motivi della tua assenza da casa siano stati assolutamente lieti. Un abbraccio e buon week end anche a te...

Antonio Andreatta ha detto...

non vorrei esserti sembrato troppo invadente...non vorrei tu pensassi ad una costrizione e tantomeno ad una imposizione...è venuto così, istintivamente, uscito fuori da un cassetto chiuso da anni e mi è sembrato adatto...ne hai fatto buon uso, troppo buon uso, come sempre ed io son qui a cercar parole che non trovo, a rovistar tra palpebre che calano e incombenze che non aspettano e per una volta mi sento inadatto...lui adatto e io l'opposto, ma ci sono e ti vedo, ti sento, ti gusto. Buonanotte Red e grazie, dal profondo del cuore, semplicemente...grazie.

red ha detto...

Io penso ad un gesto dolcissimo, non l'unico, che mi fa bene al cuore e alla vita...e penso che vorrei riuscire a liberarmi dal leggero imbarazzo che provo e che mi impedisce anche solo di scriverti la stessa frase..semplice e riassuntiva... che ho scritto a Sile...però vorrei che sapessi che nel mio grazie c'è il desiderio profondo e vero di un bene immenso...per te e la tua vita. Anche tu...non pensarmi invadente...non prendere questo desiderio come una costrizione o una imposizione...è uscito così, istintivamente, da un cassetto riaperto con ostinazione...assolutamente adatto a descrivere questo piccolo prezioso collegamento tra te e me. Ho usato le tue stesse parole...perché credo che siamo entrambi preoccupati di non essere fraintesi..ma anche decisi a vivere questo momento con gioia e semplicità. Buonanotte Antonio e buona vita...sempre. Red